blog paralleli

lunedì 10 aprile 2017

Bufala del web VS vaccata della tv. L'informazione basata su una storia vera

Una vignetta simpatica. Vacca non è un'offesa, sia chiaro, bensì il nome corretto della mammifera erroneamente chiamata mucca. Mi servivano due bestie munite di corna per giocare un po' con le parole: a sinistra la bufala del web, a destra la vaccata televisiva.


Entrambi i mezzi d'informazione sovente cospargono di letame la verità, ma vi sono delle sottili differenze.
  • La bufala sul web la si legge con tutta la calma del mondo e, nel caso insorgano dubbi, si indaga in rete, qualche smentita la si trova sempre. L'informazione tramite web diventa un momento intimo senza orari e interferenze, insomma.
  • La vaccata televisiva non la si può affrontare nello stesso modo. Primo perché la tv ti propina un continuo flusso di informazioni e non puoi soffermarti a riflettere sulle singole questioni. Magari ti rifilano una vaccata in mezzo ad altre notizie veritiere o sapientemente il telegiornale inizia dopo l'estenuante finale del quiz televisivo che ha provato la tua lucidità (guarda caso gli approfondimenti interessanti li fanno sempre in seconda o in terza serata). Secondo, complice quello strumento subdolo che è il televisore, che si fa ascoltare anche da chi non ha interesse ad ascoltarlo, è l'informazione televisiva a prendere il controllo di casa. Non è un rapporto leale, alla pari, le persone assorbono passivamente o comunque risultano messe sotto stress, cercando di ignorare o quantomeno filtrare i rumori ambientali.
Virale a chi? Il web fa paura perché una bufala fuori controllo potenzialmente potrebbe raggiungere mezza popolazione mondiale nel giro di una giornata. Far scattare rivoluzioni, scioperi e disastri di varia natura. Ma nessuno fa i conti con la potenza delle emittenti televisive, che quotidianamente imbambolano, nel complesso, un buon mezzo mondo.

Manovratori d'opinione pubblica. Di questi tempi, il fatto a monte della notizia diventa un mero strumento per far breccia nell'emotività delle persone e manipolare la loro opinione. Le strategie comunicative per raggiungere lo scopo vengono studiate a tavolino, in redazione oppure negli oscuri meandri del web con lo zampino di occulte regie internazionali... Complotti a parte, è in atto un vero e proprio scontro politico: basta confrontare i diversi telegiornali per accorgersi che uno scredita Tizio, l'altro Caio; entrambi screditano Sempronio che, poverino, non ha amici in tv.
In questo contesto accusare le bufale e non ammettere la mole di vaccate proferite è controproducente. La credibilità di tanti giornalisti va a farsi benedire; tanti ma non tutti, non voglio generalizzare.
D'altro canto anche il web ha perso la sua anima originaria. Internet era partito come il covo di pochi eletti, gente erudita insomma. Poi ha spalancato le porte alla massa dei pecoroni che non fanno altro che divulgare in tutte le salse quanto apprendono dai mass media tradizionali. Le testate giornalistiche si sono intrufolate e siamo da capo. 

Personalmente all'inizio mi ero illuso col sito dell'Ansa, credendolo imparziale, poi mi son affidato a Google News, che mi permette di fare la comparazione dei titoli attinenti allo stesso fatto, quasi fossi all'edicola. Una sorta di rassegna stampa per farsi un quadro d'insieme. La verità sta nel mezzo...
I mezzi d'informazione dovrebbero fornire ai cittadini dei bollettini, comunicati nudi e crudi, senza opinioni e fastidiosissime insinuazioni di contorno. Le previsioni meteo non sono forse piatte, banali e ripetitive? Eppure vengono seguite da miliardi di telespettatori ogni santo giorno. Che prendano esempio.

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.