blog paralleli

domenica 28 aprile 2013

Pittura a calce contro la muffa sul muro

Pittura a calce contro la muffa
Passano i mesi freddi e umidi e i muri di casa sono pieni di muffa. Rimediato un vecchio sacco di grassello di calce (mi hanno riferito che la calce idrata va molto meglio), ho fatto un esperimento: ho raschiato via la vecchia vernice da un angolo pieno di muffa e l'ho ripitturato con la calce.
La calce, infatti, è una sostanza caustica con una buona resistenza contro la muffa e una elevata traspirabilità per il muro con problemi di umidità. Pittura antica e rimedio naturale contro la muffa, la calce è priva di tutti quei veleni presenti nelle idropitture antimuffa moderne.
Tuttavia la pittura a calce fa presa solo sull'intonaco ruvido e poroso, i vecchi strati di vernice vanno rimossi fino alla malta. Un lavoro lungo e meticoloso da fare a mano, che però permette di salvare l'intonaco senza rifarlo da capo. Avvertenza: la calce spenta e il grassello di calce, pur non pericolosi come la calce viva, non devono assolutamente entrare in contatto con i vostri occhi e il vostro viso.

Gli attrezzi necessari
Nel caso del grassello di calce l'ideale è stenderlo non diluito con il frattazzo d'acciaio e poi lucidarlo, se volete. Trovate un sacco di video-tutorial su youtube. Io ho dovuto arrangiarmi con il pennello, quindi ho diluito il grassello con l'acqua, ottenendo così il latte di calce. In fondo questo è un esperimento per dimostrare la resistenza della calce alla muffa. La tentazione di provare a stenderlo con la cazzuola però è rimasta forte...
La pittura a calce, curiosamente, non si trova in molti colorifici, al massimo trovate qualche prodotto a base di calce. Evitatelo, dovete rimediare la calce spenta (o idrata) o il grassello di calce. Li trovate più facilmente presso i fornitori di materiali per l'edilizia della vostra zona. 
Per raschiare la vecchia vernice ho usato una spatola, perchè la carta vetrata provoca più polvere ed è meno incisiva. A volte poi si risparmia in tempo, visto che la spatola stacca scaglie intere di colore e non lima solo uno strato per volta. Rimane comunque un lavoro lungo.

Raschiare gli strati di vernice fino alla malta:

Alla faccia dell'idropittura antimuffa! Sopra bianca e sotto nera...
Con la spatola raschio via la vecchia vernice stratificata. L'operazione è più semplice dove il muro è molto umido; dove è asciutto la faccenda diventa duretta.
L'alternativa alla spatola potrebbe essere una livellatrice elettrica, come quella usata per sverniciare le finestre. Altrimenti dobbiamo munirci di punta e martello e rimuovere tutto l'intonaco, fino a raggiungere il cemento duro/i mattoni. Quindi rismaltare per farne uno nuovo. Scelta drastica.

Nella foto si vede chiaramente la differenza tra:
  • lo strato superficiale di idropittura bianca
  • la muffa che si nasconde negli strati al di sotto
  • l'intonaco di malta ripulito privo di muffa (la muffa aggredisce il colore, non la malta)

L'intocaco pronto per la pittura a calce:

Ho raggiunto l'intonaco di malta. Necessaria anche l'aspirapolvere per ripulirlo prima della pittura.
Facile che presso i serramenti l'intonaco si sgretoli. Occorre quindi stuccare le nuove imperfezioni.

Dal grassello di calce al latte di calce:

Il grassello di calce è una massa bianca, lattiginosa. Pare unta. Non ha problemi di conservazione, a parte il gelo, e dicono che invecchiando migliora. L'ho diluito con acqua fino a farlo sembrare proprio latte, latte di calce. I consigli per la pittura, validi per ogni pittura, sono:
  • usare un pennello che non perde le setole
  • assicurarsi che il colore sia pulito e privo di impurità
Sopra le prime due mani di calce. Ne sono servite quattro per coprire il grigio della malta e ottenere un bianco omogeneo. Occorrono diverse ore perchè ogni mano di calce asciughi (continuavo a pensare che se stendevo il grassello non diluito con la cazzuola ci mettevo di meno... ).

Conclusioni: la calce funziona contro la muffa? Tra un anno il verdetto
Operazione compiuta. Il grosso del lavoro è stato raschiare via la vernice vecchia. La pittura a calce in sé non presenta problemi. Sicuramente non è coprente e uniforme come l'idropittura tradizionale. L'appuntamento è tra un anno da adesso, per vedere se la pittura a calce funziona veramente contro la muffa in un ambiente molto umido. Segnatevelo sul calendario...

Combattere la muffa sul muro: 
muffa: cause e rimedi pittura a calce contro la muffa risultati dell'esperimento

16 commenti:

  1. ho pitturato il muro esterno con il grssello di calce con l'aggiunta di acqua di mare.il risultato è buono ma ho notato che il muro è bagnato di umido,ènormale?

    RispondiElimina
  2. Anch'io ho notato che sulla pittura a calce si intravede la condensa. Però bisogna dire che la condensa si condensa, appunto, dappertutto. L'importante è che non formi la muffa, e la calce alcanina dovrebbe resistere.

    RispondiElimina
  3. Ciao, ormai è passato un anno: ci sono novità per quanto riguarda la formazione di muffe nell'angolo "incriminato"?
    Funziona a dovere?
    Io l'anno scorso ho pitturato con una pittura termica una stanza piuttosto soggetta a condense e muffe e, per ora ( sgrat, sgrat...) non ho problemi, l'unico problema è il costo davvero elevato di questo tipo di pitture, per questo miravo al grassello di calce o allo stucco veneziano.
    Aspetto un tuo feedback, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, la parete imbiancata con il latte di calce non presenta muffa, eccetto che lungo lo spigolo superiore, dove non avevo ben grattato. Devo caricare qualche foto, purtroppo si è formato un macchione di acqua arrugginita proveniente dallo sfiato (arrugginito).

      Elimina
  4. Grazie della risposta, il mio dubbio resta se fare le altre stanze nuovamente con pittura termica oppure andare sul grassello di calce.
    Secondo me postare le foto è una buona idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Foto postate sul nuovo articolo: http://ilfantasma.blogspot.it/2014/05/calce-contro-muffa-risultati.html

      Elimina
  5. Buongiorno
    A dicembre improvvisamente sul muro di una camera che porge a nord nel cavedio, è comparsa la muffa.
    Mai successo in 50 anni. Ho avvertito amministratore che ha fatto fare una " pezza" , come la chiamo io , sulla facciata in corrispondenza della parete colpita dalla muffa . Sulla parete c'è una carta da parati , che nonostante sia vecchia è ancora in buono stato , che successivamente avevo fato dipingere con una vernice avorio.
    Ora devo bonificare il muro, che nonostante la facciata esterna sia stata "riparata" continua ad essere bagnato e la muffa è triplicata. Ho chiamato il signore che mi ha fatto tutti i lavori in casa, ma non ho capito bene se per lui la calce serve o non serve. Io vorrei che il lavoro fosse fatto bene.
    Un'ultima domanda : se il lavoro sulla facciata esterna è stato fatto bene , come asserisce l'amministratore , perchè il muro è sempre bagnato e la muffa aumenta ?
    Grazie e buna giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se (e solo se) esternamente è stato risolto il problema del muro freddo con un adeguato cappotto, non ti resta che ripulire bene l'area interna colpita. Decidi tu come. Rimedio veloce: antimuffa (più o meno tossico), pulizia e nuova pittura. O sennò usi la calce, ma ricordati che per usare la calce devi rifare l'intonaco. E che non sempre questo è un rimedio definitivo, soprattutto se esternamente periste il problema. E se persiste anche l'umidità interna e non si arieggiano i locali.

      Elimina
    2. Grazie per la risposta.
      Io sono per i lavori fatti a dovere, ma volgiamo trasferirci in UK il più presto possibile, quindi non voglio spendere tanto. Certo che se l'antimuffa è todssico.... credo che comprerò un camper in Inghilterra.
      Buona serata.

      Elimina
    3. Grazie per la risposta.
      Io sono per i lavori fatti a dovere, ma volgiamo trasferirci in UK il più presto possibile, quindi non voglio spendere tanto. Certo che se l'antimuffa è todssico.... credo che comprerò un camper in Inghilterra.
      Buona serata.

      Elimina
    4. Tossico nel senso che bisogna arieggiare la camera prima di dormirci dentro. Altrimenti prova con l'aceto. In un caso o nell'altro devi minimo ritinteggiare, massimo rifare l'intonaco.

      Elimina
  6. salve io ho pitturato una stanza con grassello di calce , e la muffa mi e ritornata , mentre un altra stanza lo pitturata con calce idrata e la muffa non è ritornata perchè la calce idrata è più acida del grassello .io consiglio di imbiancare con la calce idrata.

    RispondiElimina
  7. salve io ho pitturato una stanza con grassello di calce , e la muffa mi e ritornata , mentre un altra stanza lo pitturata con calce idrata e la muffa non è ritornata perchè la calce idrata è più acida del grassello .io consiglio di imbiancare con la calce idrata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, ottimo consiglio!

      Elimina
    2. @Mario Gentile: la muffa attacca maggiormente le superfici acide, pertanto più una superficie è basica (ph elevato)e più sarà inattaccabile da essa, non l'opposto come dici tu.

      Elimina
  8. Mario gentile fai confusione... il grassello di calce è calce idrata

    RispondiElimina

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.