blog paralleli

venerdì 10 aprile 2015

Seminare la palma da dattero e i travasi

Quando vedo le palme qui in Trentino mi viene da (sor)ridere. Pensano di coltivare le noci di cocco come ai Tropici? O i datteri, che vogliono temperature di 40 gradi per far maturare i frutti? O piantano le palme solo a scopo ornamentale? (che cosa hanno di ornamentale le palme in mezzo alle montagne francamente non lo so)
Beh, se devo essere sincero anch'io mi sono seminato una palma da dattero tre anni fa. Più per il gusto di seminare che altro. E ora ho una piantina.

Inizio-fine agosto 2012: germinazione del seme di palma da dattero:
Semenza in un vasetto dello yogurt (formato grande). Terriccio sempre umido e con tutta quell'argilla espansa deve essere stato anche ben drenato.

Inverno 2012-inverno 2013: crescita lenta
La prima foglia chiazzata e una piantina di zucca o di zucchino (non ricordo) che gli è germinata accanto.

Febbraio 2014: primo travaso
Leggo che la palma da dattero ha radici lunghissime, indispensabili per attingere all'acqua nelle zone desertiche. Quindi temo che il vasetto dello yogurt si sia fatto stretto e opto per una bottiglia, ben più fonda.
Tirata fuori dal terriccio, effettivamente la radice è lunga e a forma di spirale, compressa in un habitat troppo angusto.
Posta nella bottiglia, la palma riprende a vegetare, con nuove foglie.

Aprile 2015: mi serve un portaombrelli. Dopo un anno anche la bottiglia si fa piccola, con la radice principale che riempie il sottovaso. E poi la bottiglia ha il problema che è trasparente: le radici non tollerano la luce solare. Per questo temo che mi serva un portaombrelli per tenere la palma a casa.
La mia palma da dattero ha quasi tre anni ora (con tre piantine seminate di carrubo a fianco). Alcune varietà fanno già i primi frutti a questa età, ma non è proprio il mio caso. Anzi, scopro che è una pianta dioica, quindi con fiori o maschili o femminili, quindi dubito fortemente che avrò mai un dattero...
Arriva il momento del secondo travaso.
Stavolta ho pensato a una soluzione modulare: posso allungare questo vaso a piacimento quando avrò altri barattoli di cacao vuoti. L'altezza non è eccessiva a confrontarla con la lunghezza delle radici distese. Ho aggiunto sabbia al terriccio e in fondo uno strato molto spesso di sassi, dove l'acqua in eccesso si possa accumulare.
Con altri barattoli appoggerò questo vaso direttamente a terra, di sicuro sembrerà meno pericolante (mi sa tanto di torre di Pisa ora).

7 commenti:

  1. Ciao, innanzitutto bellissimo articolo, molto interessante! In questi giorni ho 3 scatole(ora un po' più di due :) ) di datteri, credo che siano zuccherati... Volevo chiedere se i semi all' interno dei datteri, e se si vorrei sapere anche l' epoca di semina, grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  2. Intendevo chiedere se fossero germinabili, mi scuso per l' errore!

    RispondiElimina
  3. Intendevo chiedere se fossero germinabili, mi scuso per l' errore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sono germinabili sì. Io ho usato appunto quelli. A volte finiscono nel compost e poi nell'orto a volte germinano anche così. Ovviamente bisogna avere pazienza.

      Elimina
    2. Ciao grazie mille per la risposta, in questi giorni proverò a seminarne qualcuno, nei vasetti in casa...vediamo se salta fuori qualcosa! Più o mendo qual' è il tempo di germinazione????grazie ciaoooo

      Elimina
    3. Non ricordo più bene. Forse un mesetto!

      Elimina

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.