blog paralleli

venerdì 22 luglio 2016

Coi fagiolini verdi faccio notte

Io odio i fagiolini verdi! direbbe il puffo brontolone al posto mio. Che poi a volte mi confondo e li chiamo cannellini, invece son semplicemente fagiolini acerbi e verdi. Nani.
La loro coltivazione sarà anche uno scherzo, lo stesso non si può dire della raccolta: massacrante per le vertebre, richiede un sacco di tempo. Se poi mi metto pure a lavorarli, faccio notte per davvero.  


Quando ero piccolo, raccogliere i fagiolini verdi non mi costava chissà quale fatica; avevo giusto il perenne timore di strappar via le piante, precarie com'erano. Voglio dire: chi è di bassa statura si presta meglio a un lavoro del genere; ora, ahimè, sono cresciuto e sgobbarmi fino a terra non va mica bene. Piegar la schiena per due o tre filari di seguito è un lavoro ingrato e di certo non salutare.

Oltretutto i fagiolini verdi, essendo legumi (ma vale anche per i cereali), vanno tenuti a mollo nell'acqua (preferibilmente tiepida) per almeno sei ore. Così da farli fermentare e liberarli dell'acido fitico (un anti-nutriente) contenuto.


Terminato l'ammollo, l'acqua residua ovviamente non si butta via, così lascio i fagiolini verdi gocciolare sopra il secchio.
Segue un'altra faccenda brigosa: il peduncolo dei baccelli va reciso. Tutti quanti. O strappandoli uno per uno, o prendendo i fagiolini a mazzi, tutti girati per lo stesso verso, procedendo quindi con il taglio.



Se poi i fagiolini verdi in eccedenza non si congelano, tutto il lavoro raggiunge l'apice dell'ingratitudine. Bisogna entrare nell'ottica del razionare attentamente il cibo, non di cuocerne a chili e lasciarlo poi diventare vecchio. O mangiarlo per forza pur di non vederlo diventare vecchio, come spesso succede al sottoscritto...
Purtroppo questi errori di valutazione capitano quando ognuno si specializza in un compito e l'altro/a non è pienamente consapevole di quanto è costato raccogliere la materia prima. I drammi del mondo moderno.



La morale della favola è che il prossimo anno gli unici fagiolini verdi da seminare saranno quelli con portamento rampicante, che superano i due metri d'altezza.
Non ci si piega la schiena con loro.
Chi vorrà i fagiolini nani, si dovrà arrangiare.

Aggiornamento di fine settembre: con gli ultimi fagiolini verdo non si fa fatica

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.