blog paralleli

martedì 25 giugno 2013

La penna wacom non funziona? Smontiamola

La penna della tavoletta grafica non funziona? Smontiamola...
La fida tavoletta Wacom (o pen tablet) ha smesso di funzionare (dopo ben sei anni di duro servizio è doveroso ricordare). Spiego meglio: la tavoletta grafica si accende e viene rilevata dal computer senza problemi, è la penna che non interagisce più con la superficie magnetica (la spia luminosa rimane arancione quando dovrebbe diventare verde).
Non è una brutta notizia in ogni caso: ho messo gli occhi da tempo sul nuovo modello (la Bamboo Pen). Il mio, la Volito 2, è ormai abbastanza antiquato. Intanto proviamo a smontare la penna, sono sempre stato curioso di sapere cosa c'è dentro. Wacom va fiera delle sue penne senza batteria e consiglia caldamente di non smontarla, per non rovinarla ufficialmente, ma forse anche per preservare il segreto industriale. Con il senno di poi anche la prima motivazione si dimostrerà valida, si tratta di un lavoretto molto delicato...


Cambiare la punta
Fin qui niente di complicato: le punte delle penne Wacom possono venire sostituite con relativa facilità. Basta rimuoverle delicatamente dalla sede con una pinzetta e rimetterne una nuova al suo posto (sempre che ne avete una di riserva...). Ho scoperto un po' di condensa nella parte interna, che sia questa la causa del guasto?
Ho lasciato asciugare e rimesso in posizione la punta, ma la tavoletta grafica non funziona ancora. Devo smontare la penna per forza allora...


Come aprire la penna Wacom?
Tirando con due spaccanoci! Non mi sono venute in mente altre alternative: la superficie è scivolosa e occorre molta forza. Gli unici danni collaterali sono due solchi leggeri sulla plastica. Niente di tragico.
Ho provato a estrarre il contenuto della penna Wacom facendo presa sulla schedina. Fortunatamente l'interno è un pezzo che resta insieme e si è sfilato fuori tutto intero e senza danni. 


La penna Wacom senza batteria svelata
La batteria non c'è per davvero, eppure la schedina dove trova la corrente elettrica? Deve alimentarsi a distanza sfiorando la superficie della tavoletta (che conseguenze ha questo campo elettromagnetico per la mano sempre a contatto?). La bobina di rame riesce in qualche modo ad elettrizzarsi.
Ipotesi a parte, c'è un minuscolo cuscinetto di gomma nera fuori sede. Tra l'alloggiamento della punta e il sensore di pressione interno. Una volta rimesso in posizione, magia, la penna viene rilevata dalla tavoletta.

accertiamoci che la penna funzioni veramente prima di rimontarla: luce verde


Rimontare la penna: compito delicato
Come tutte le cose, smontare (distruggere) è più facile che rimettere insieme. Ho provato a infilare la schedina (senza punta) all'interno della penna, ma continuava a incastrarsi. Rischiavo seriamente di danneggiarla. La soluzione stava tutta nella punta, da lasciare collegata alla schedina, in modo da irrigidire l'estremità e agevolare l'inserimento.
Per non saper né leggere né scrivere la penna della tavoletta Wacom è tornata a funzionare. Capire se il guasto era l'acqua condensata all'interno o il cuscinetto fuori posto (magari spostato dal sottoscritto) è un mistero che ignorerò felicemente...

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.