blog paralleli

lunedì 23 giugno 2014

Primizie di zucchini: seminati in marzo nella serra, frutti raccolti in giugno

Seminare gli zucchini in marzo
Deciso a raccogliere le zucchine (frutti) il prima possibile, ho seminato gli zucchini (piante) nei vasetti a fine marzo. Una volta trapiantati, sono entrati in piena produzione a metà giugno, con un leggero anticipo rispetto a quelli seminati nell'orto.
Tra le condizioni necessarie per lo sviluppo degli zucchini c'è la temperatura superiore ai 15 gradi, quindi è essenziale seminare nella serra fredda o dentro casa.
Non so se due settimane in anticipo bastano per definirle primizie, ma meglio cominciare dal principio.


metà giugno: zucchino ben sviluppato grazie a sole, concime, spazio e acqua

Primi d'aprile: germinazione dei semi di zucchino
Ho tenuto a mollo i semi nell'acqua per un'oretta, poi li ho messi a dimora nei vasetti grandi dello yogurt (forati in fondo). Il tutto riposto nella serra fredda, visto che a casa non c'era più spazio... La germinazione del seme richiede un po' di pazienza.


Fine aprile: trapianto nella terra piena non appena arriva il caldo

Trapiantati i tre zucchini più sviluppati a fine aprile. Prima non sarebbe stato possibile, con le temperature notturne troppo al di sotto dei 15 gradi necessari. Come si vede nella seconda foto, le radici hanno saturato l'interno dei vasetti, rendendo estremamente facile l'operazione. Questa striscia di orto, nonostante sia rivolta verso sud, si perde il sole basso, incassata com'è tra la legna imbancata e i lamponi, ma non avevo altro posto libero. Importante: non ho irrorato le piante con alcunchè.


Metà giugno: raccolta delle prime zucchine

Altre quattro piante di zucchino sono finite in un'altra striscia vangata, a fare compagnia ai rabarbari (foto in cima). Maggior esposizione al sole e spazio disponibile, ma meno acqua (ogni due giorni e non quotidiana). In ogni caso a fine maggio sono apparse le prime piccole zucchine, che a metà giugno hanno raggiunto dimensioni idonee alla raccolta. Quelle dalla punta gialla possiamo rimuoverle subito, tanto marciranno. Alcuni fiori maschili, invece, possiamo prelevarli per fare la frittata.


Zucchini direttamente sul letame
Gli zucchini rimanenti, più indietro, li ho trapiantati dove capitava, alcuni direttamente sopra un cumulo di letame. Un trucco tramandato dai contadini per avere zucchini dalla crescita accelerata e dalla maggiore resistenza alla siccità. Per avere i frutti subito, però, vanno innaffiati lo stesso.

Morale della favola. Lo scarto temporale tra i miei zucchini seminati in serra e quelli seminati nell'orto, ripeto, è di un paio di settimane scarse. Resta comunque un risultato, considerando che la velocità di crescita dipende dal clima. Poi ovvio, se comprate le piantine già grandi il vantaggio si rosica così tanto da annullarsi, quasi. 

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.