blog paralleli

sabato 28 febbraio 2015

Cosa mangiano le galline ovaiole?

Il palato raffinato delle galline. Non è uno scherzo, hanno un senso del gusto molto sviluppato (al contrario dell'olfatto). Quando le galline assaggiano qualcosa di nuovo usano la lingua esattamente come noi, se poi è di cattivo sapore scrollano il capo e si puliscono il becco. Più sono sazie e più diventano schizzinose.
Considerando che parliamo di galline ovaiole, l'alimentazione, oltre a essere buona, deve anche essere nutriente e corretta per la produzione di uova.


Le galline mangiano oro e cagano piombo. (papà)

Senza contare che allevare le galline, tante o poche che siano, richiede tempo e costanza. Per dire, quelle che ho a casa ricevono ben cinque pasti al giorno:
1) prima colazione con granaglie
2) seconda colazione con pane e avanzi
3) pranzo con granaglie
4) merenda con verdura fresca
5) spuntino serale variabile.
Quindi è una faccenda seria che bisogna approfondire punto per punto.

le mie galline adorano il pane secco con l'olio di sgombro
Cosa piace alle galline ovaiole? In anni di attenta osservazione ho notato due aspetti validi per tutte le galline:
1) apprezzano il sapore salato
2) cercano fonti di sali minerali tra cui il calcio.
Le galline impazziscono per il pesce, fateci caso. All'inizo credevo che le antenate delle galline fossero pescatrici, ma in realtà hanno il becco corto e robusto per mangiare granaglie, esattamente come i passeri (attenzione ai passeri, leggi sotto). La morale della favola è che le galline adorano il pesce perché sentono nel becco il sapore salato. Idem per gli scarti dello speck tagliato a quadratini e così via.
La crosta del formaggio è sia salata che ricca di calcio, le galline ne sono ghiotte. Come volevasi dimostrare. I gusci (vuoti) delle uova contengono molto calcio. Poi capita che si becchino tra loro perché le piume sono piene di sali minerali; a volte si beccano a tal punto da sanguinare e diventare addirittura vampire/cannibali perché anche il sangue è ricco di sali minerali. Mangiano sassi della sabbietta e la terra appiccicata agli stivali ancora per via dei sali minerali contenuti.

Il mangime per le galline ovaiole. Bisogna distinguere il mangime dalle granaglie. Il mangime viene preferito dai grandi allevatori perché contiene già tutto (granaglie macinate più integratori vari, se mi capita faccio una foto agli ingredienti). Io preferisco le granaglie per avere almeno una ragionevole idea di cosa sto dando da mangiare alle galline.
A grandi linee basta una manciata di granaglie alla mattina e un'altra nel primo pomeriggio per ogni gallina. Di più tracimerà dalla mangiatoia se le galline sono chiuse dentro o verrà mangiata dai passeri se vengono allevate all'aperto.
Granaglie avanzate nella mangiatoia? Provate a macinarle, basta un macinino

Pane secco. Anche qui, bisogna distinguere tra il pan bagnato (con acqua, brodo, latte, ect ect) e il pane macinato. Il primo da preferire quando fa caldo e il secondo quando è freddo o umido. Entrambi possono venire miscelati con altri ingredienti e diventare il pastone. Entrambi vengono preferiti alle granaglie proprio perché il pane è leggermente salato. Quindi di mattina è importante dare prima le granaglie, che le galline sono affamate, e solo dopo il pane. Mai contemporaneamente.
Pastone da preparare con criterio. La regola è se piace anche a te (per modo di dire) piacerà anche a loro. Le galline, come ho scritto sopra, non sono indicate per finire tutti gli avanzi di cibo, come invece si dimostra il maiale. Non mescolate caffé con verdura condita con l'aceto, per carità! (meglio non metterli proprio nel pastone a dirla tutta) Ripeto: se il pastone vi sembra una brodaglia rivoltante, sarà rivoltante anche per le galline.

Attenzione ai passeri. Sono creature simpatiche e super organizzate, tuttavia leggo che sono anche vettori di malattie che possono contagiare le galline. L'accesso alla mangiatoia andrebbe loro interdetto, anche se di fatto è quasi impossibile.
Una soluzione parziale per le galline che tengo all'aperto è fornire il cibo frazionato in tanti piccoli pasti, in modo che ne resti poco per i piccoli scrocconi. Un altro stratagemma che adotto di mattina è distrarli con il pastone avanzato dal giorno prima.
Perfino un insettivoro come il pettirosso non disdegna granaglie e pane in inverno:
  

Acqua. Noto che le galline preferiscono l'acqua lurida delle pozzanghere, strano ma vero. Posso fare di tutto per impedire che si abbeverino così, ma cercano sempre di arrivare alla fonte. Il motivo sono sempre i sali minerali, che né l'acqua del rubinetto e men che meno quella piovana possono contenere. In ogni caso è obbligatoria una bella bottiglia di acqua fresca.

Non bastano alimenti ricchi di calcio, serve anche il sole e spazio per muoversi

Ma l'alimento perfetto per le galline ovaiole è... I miei sono consigli e potete sbizzarrirvi a inventare la dieta personalizzata per le vostre galline. Quando fa freddo divorano i cachi tagliati a fette e quando fa caldo l'anguria. Le granaglie e il mangime non sono poi così indispensabili per la produzione di uova se trovate dei validi sostituti (tipo pane secco più formaggio a quadratini, ortica tritata, ect ect). Le noci sarebbero ottime, ma sarebbe pure uno spreco darle alle galline, do loro solo quelle guaste.
Ho letto che l'alimento perfetto per le galline ovaiole è il lombrico. Di sicuro non si stancherebbero mai di mangiarli e sono pure pieni di terra e quindi di sali minerali. Quando vango l'orto sarebbe il caso di tenermi appresso qualche gallina, invece di far fare le scorpacciate ai merli...

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.