blog paralleli

giovedì 11 giugno 2015

Coltivare l'avogado 3: malconcio dopo l'inverno

Mesto articolo di servizio per annunciare la dipartitata dei due avogadi seminati l'anno scorso. Nonostante l'inverno non rigido e il riparo offerto dalla serra, entrambe le piante sono seccate. Dalla cima alla base, prima le foglie e poi i fusti (la foto risale a gennaio).
Avogadi ormai troppo voluminosi per metterli al riparo a casa, non ho potuto far altro che assistere impotente.




Con il ritorno del tepore estivo, una delle tue piante ha ricacciato fuori un virgulto. Ho lasciato perdere in ogni caso: queste non sono le latitudini adatte per gli avogadi. O siamo provvisti di una limonaia o è meglio concentrarsi su piante nostrane.











PARTE 2 - COLTIVARE L'AVOGADO - PARTE 3

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.