blog paralleli

domenica 23 ottobre 2011

Occhio alla videocamera! Sceglierla economica e funzionale

Volete comprarvi una videocamera decente, ma volete anche risparmiare. Quindi vi imponete un budget di... 250 euro, che sembrano pochi. Sembrano. Con questa cifra prenderete in considerazione anche alcune fotocamere che fanno dei bei video. La scelta non è affatto scontata.


Idee chiare
La videocamera deve:
  1. Girare dei video di qualità...
  2. con audio ambientale decente...
  3. per avere delle scene da montare a casa...
  4. e ottenere un cortometraggio dignitoso.
Le handycam
Handycam, le chiamano così le videocamere compatte alla portata delle nostre tasche (non tutte). Il prezzo oscilla dai 150 ai... 900 euro. Sognatevi le telecamere professionali, come quelle del cinema o dei giornalisti, i prezzi sono assolutamente proibitivi.

Questo strano zoom...
La maggior parte delle videocamere assomiglia proprio a dei cannochiali elettronici: dispone di zoom da 40x, 50x, 70x... (la fotocamera difficilmente supera i 5x di ingrandimento). Parlo di zoom ottici ovviamente, lo zoom digitale sgrana e rovina l'immagine.
Ora spiegatemi a cosa serve tutto questo zoom. Dovete spiare i vicini? Dovete contare i crateri sulla Luna? Filmare il primo piano dell'automobilista che passa sotto casa? Guardate un film: vedete degli zoom per caso? Al massimo ci sono dei leggeri movimenti, a volte eseguiti in post-produzione.
Lo zoom esagerato è sinonimo di pigrizia. Per fare belle riprese dovete muovervi, avvicinarvi al vostro soggetto. Ricordatevi che qualità d'immagine e zoom non vanno molto d'accordo insieme. Le lenti non fanno miracoli, per avere riprese nitide dovete restare vicini. Più l'inquadratura è zoomata e maggiormente sarà suscettibile ai vostri movimenti, vere e proprie scosse telluriche. Senza contare che uno zoom durante una ripresa è una tecnica abbastanza scontata, da filmetto amatoriale, e il motorino delle lenti potrebbe rovinare l'audio.

Alta definizione e montaggio
Lavorare un filmato ad alta definizione richiede processori con almeno 4 giga di RAM. Per il fullHD servono macchine e software ancora più performanti. A cosa serve questa alta definizione, se non siete uno studio televisivo? C'è da dire che le videocamere registrano anche video più snelli, tuttavia, vista la pesante compressione, non sono molto adatti al montaggio/postproduzione.
Alta definizione significa anche grandi dimensioni dei file, con conseguenti problemi di spazio sul disco, e di eventuale spazio su un eventuale disco di backup. Se la mia Alice 7 mega viaggia invece a 0.6 e carica a 0,02 megabyte al secondo... come farò a caricare un video in fullHD sul mio sito o su Youtube?
Chi vuole montare video, quindi, è meglio che si procuri una vecchia videocamera miniDV, che registra in qualità analogica e a risoluzioni più ortodosse.


Stabilizzatore o treppiede?
Meglio un treppiede qualsiasi. Gli stabilizzatori non fanno miracoli, anzi, non fanno proprio niente... fanno solo lievitare il costo dell'apparecchio. L'opinione comune è diffidare degli stabilizzatori elettronici e affidarsi, se proprio proprio, a quelli ottici.
 
Microfono
Con 250 euro di budget, l'ingresso del microfono esterno ce lo possiamo sognare tranquillamente. Ci sarebbe la Aiptek AHD-H12, da provare però. Meglio investire un'altra piccola cifra per un microfono esterno, come lo Zoom H1.

Controllare i test degli altri utenti prima dell'acquisto
Youtube è pieno zeppo di utenti che fanno test. Purtroppo servono a ben poco, non riesco a vedere che mani tremanti e zoomate ugualmente tremanti (e sgranate, perchè anche la qualità va a farsi benedire con il massimo dello zoom). Gli unici video ben fatti sono tutti (o quasi) girati dai produttori, chissà come mai.

La fotocamera ritorna alla carica
Al giorno d'oggi le fotocamere fanno anche riprese video e le videocamere scattano foto. Con 250 euro è meglio una videocamera o una fotocamera? Il confronto si fa serrato.
Con meno di 200 euro si portano a casa signore fotocamere compatte con funzioni manuali e che fanno dei video molto, ma molto, decenti. Il problema è che le fotocamere, al contrario delle videocamere, non hanno il monitor lcd orientabile, essenziale per riprese amatoriali, autoritratti e così via.
Entrambe soffrono moltissimo la carenza di luce, l'effetto mosso e l'audio non eccelso. La discriminante, quindi, è se volete il monitor fisso o orientabile. 


Superaccessori, super... super...
Intelligenze artificiali, schermi tattili... c'è tutto l'immaginabile sulle videocamere. Mancano solo le cose fondamentali. Cercavo una videocamera spartana, che avesse il minimo indispensabile, che puntasse tutto sull'ottimizzazione della qualità video e audio. Ovviamente non esiste.
Alla fine ne ho provato due (la Samsung HMX-Q10 e la Panasonic HDC-SD40) per poi restare sull'ultima. Carina per carità (meglio della Panasonic di sicuro, per quanto ne dicano gli intenditori...), solo che ha troppi fronzoli. Ha un... sensore di gravità interno che permette di ruotarla di 180 gradi e lasciare l'inquadratura diritta. Roba da mancini. Ripeto quanto scritto sopra: meglio recuperare una vecchia miniDV. L'avrei fatto se avessi avuto tempi più larghi.



[ QUESTO ARTICOLO HA ATTIRATO UN TROLL (TROLL= maleducato che va giù pesante con le parole appoggiando la tesi contraria), devo quindi dedurre che l'argomento è scomodo, ho un motivo in più per approfondirlo appena ce ne sarà l'occasione. ]

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.