blog paralleli

domenica 3 agosto 2014

Il vero mirtillo che fa bene agli occhi

Oggi voglio confrontare due varietà di mirtilli: quella comprata al supermercato e quella cresciuta spontanea nel bosco.

A sinistra il mirtillo gigante americano, a destra il mirtillo nero europeo
Entrambi chiamati comunemente mirtilliLa lingua italiana confonde in questo caso, perché sono due frutti imparentati ma ben distinti. La lingua inglese, al contrario, chiama bueberry i mirtilli americani e bilberry i mirtilli europei, dettando una chiara distinzione.

Differenze tra il mirtillo gigante americano e il mirtillo nero europeo: dimensioni, colore e succo della polpa

Taglio a metà i due piccoli frutti. La prima differenza significativa è il colore della polpa; se la buccia di entrambi è nera e blu, la polpa è bianco verdastra per il mirtillo gigante americano e nera rossastra per il mirtillo europeo, che si chiama di fatto mirtillo nero.
La seconda differenza è il succo: il mirtillo nero europeo mi ha macchiato le mani durante la raccolta.
Il sapore è invece abbastanza simile.

Ora prendo in esame le rispettive piante.
Il mirtillo nero (Vaccinium myrtillus) è una piccola pianta spontanea in Europa e strisciante. Apprezza l'alta quota e l'ombra dei faggi e dei pecci.
Solitamente la produzione di frutti (singoli) è modesta e la raccolta è resa difficoltosa dalle dimensioni ridotte della pianta e dal suo portamento espanso. A me è capitato di trovare una distesa di mirtilli che assomigliava più a un prato che a singoli cespugli. Notate quanto sono diverse le foglie da quelle della foto sottostante.

Il mirtillo gigante (Vaccinium cyanococcus) è un arbusto con altezze superiori al metro, originario del Nord America. Introdotto poi in Europa perché si presta alla coltivazione, al contrario di quello europeo.
Se rispettiamo tutte le sue esigenze (terra morbida e con il PH acido, posizione soleggiata, ect ect), la pianta ci ripagherà con grappoli pieni di frutti.


Proprietà medicinali
Sia chiaro: entrambi i mirtilli fanno bene alla nostra salute perché contengono un sacco di antiossidanti e in particolare antociani. Questi ultimi apportano benefici alla retina dei nostri occhi e ai vasi capillari. Il fatto è che il mirtillo nero europeo contiene fino a quattro volte la dose di antociani rispetto al mirtillo americano. Si nota proprio dal colore diverso della polpa, visto che la suddetta sostanza è un pigmento. Per questo il mirtillo nero europeo macchia le mani, tutto torna.

Fregati dalla confusione
Il mercato spaccia il mirtillo americano coltivato per mirtillo nero selvatico, sfruttando la confusione generata dall'uso dello stesso nome e la somiglianza dei due frutti. Sarei curioso di sapere se i carissimi succhi di frutta di mirtillo contengono effettivamente mirtilli neri raccolti nel bosco o contengono, come penso, mirtilli giganti cresciuti in piantagione.

Il frutto di bosco per eccellenza è solo il mirtillo nero europeo, diffidate delle imitazioni. Se mai volessi coltivarlo, però, mi servirebbe un terreno un po' più in quota...

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.