blog paralleli

venerdì 10 dicembre 2010

[film] La piattezza di Skyline

Uscito il 12 novembre negli Usa e in arrivo nelle sale italiane a gennaio, Skyline porta sul grande schermo l'ennesima invasione degli alieni. Apocalittica, l'ultima di una lunga serie, ambientata, guarda caso, in una celebre città americana, Los Angeles.
Diretto dai fratelli Strause, Colin e Greg, e interpretato da Eric Balfour (nel film Jarrod) e Scottie Thompson (Elaine), il film è decisamente scontato. Nonostante il (relativo) basso budget, visivamente è molto buono ma entra di diritto nelle pellicole no brain. Pieno di macchine sgargianti, grattacieli, strade sovrapposte, belledonne e ricconi, come se al mondo esistessero solo loro. Rischio frequente di scadere nello squallido (pensavo addiriturra che le ombre dei due amanti in bagno fossero l'ombra del microfono di un operatore), soprattutto con la scena trash dello stupro della protagonista.


Trama.
Strane luci blu atterranno un po' dappertutto, attirando prelevando, inspiegabilmente, alcune persone. I protagonisti si risvegliano in piena notte, dopo la festa di compleanno del loro amico milionario e futuro socio in affari Terry (Donald Faison).
Il mattino dopo arriva la seconda ondata di alieni, decisamente più concreta. Atterranno sulla città delle vere e proprie "aspirapolveri" volanti che risucchiano quasi tutti gli abitanti.
Mentre gli alieni cominciano a scorazzare all'interno dei grattacieli con costrutti più piccoli (ricordano le seppie di Matrix), sempre a caccia di persone, i protagonisti penseranno bene di fuggire per strada, che purtroppo è piena di predatori alieni, più grossi. Dopo un precipitoso rientro nel grattacielo, i pochi rimasti, salvati dall'intervento dell'addetto alla security Oliver (David Zayas) vi si barricano all'interno. 
Perchè gli alieni cacciano gli esseri umani? Cercano cervelli da trapiantare nei loro costrutti. I corpi decapitati, invece, finiscono in una sorta di brodaglia luminescente, forse nutrimento. L'intervento dei militari, prima con l'aviazione e gli ordigni nucleari, e poi con truppe elitrasportate, si rileva inefficace. Tuttavia il protagonista sembra acquisire i super poteri dopo il contatto ravvicinato con la misteriosa luce blu. Entrambi verranno rapiti e aspirati nella navicella. Elaine verrà risparmiata perchè in cinta (di un essere umano o di un alieno? o di un ibrido?) ma a Jarrod verrà strappato il cervello. Il nuovo Jarrod, una creatura simile ai mostri di Doom, riconoscerà la sua fidanzata e la salverà da un ulteriore (e trash) visita ginecologica. Ci si chiede perchè solo questa creatura mantenga un comportamento umano mentre le altre no. Forse il fenomeno è dovuto alla lunga permamenza della contaminazione aliena nel corpo umano e a una poco chiara convivenza. Fine.


Concorrenza sleale con...?
Skyline esce in anticipo rispetto all'atteso Battaglia di Los Angeles 2011 (conosciuto anche come World Invasion: Battle LA, rievocazione fantascientifica dell'oscuro incidente di Los Angeles nel 1942). Entrambe le produzioni sono ricorse alla Hydraulx Visual Effect, che appartiene agli stessi fratelli Strause, per produtte gli impressionanti effetti speciali digitali.
La Sony Pictures ha indetto un'azione legale nei confronti dei fratelli perchè hanno sfruttato questa tecnica, commissionata e finanziata dalla Sony, per il loro film personale. 
Nonostante la medesima ambientazione (Las Vegas), le divergenze tra i due film paiono molte. In primis, in Skyline il ruolo dei militari è marginale mentre Battle for Los Angeles 2011 sembra molto militarista, la solita campagna pro-arruolamento dell'Esercito Usa, almeno a vedere il trailer. 


Solo una mia impressione o è un simil Cloverfield?
Si inizia sempre con una festa tra giovani spensierati, in cima a un grattacielo. Stessa confusione iniziale, anche se qui non c'è il buio che nasconde. Fotocamera alla mano, per qualche secondo, si guarda attraverso il suo obiettivo.
La vicenda si restringe addosso a pochi protagonisti. Sullo sfondo i militari che operano inutilmente. Anche qui non c'è un lieto fine. Si lascia un po' in sospeso la storia, con un protagonista trasformato in alieno (come l'ottimo District 9).
Ci sono somiglianze anche con la La Guerra dei Mondi, con le persone fagocitate dai giganti alieni. C'è da dire che in questo caso le vittime vengono "aspirate", e poi fagocitate come in questa pellicola, dopo essere state afferrate da tentacoli.

Il trailer in italiano:

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.