blog paralleli

lunedì 17 settembre 2012

Preparare la marmellata con le corniole selvatiche, frutti da riscoprire

Dalle corniole selvatiche alla marmellata
Le corniole, in trentino cornale, sono frutti selvatici ormai sconosciuti e poco apprezzati dalle nostre parti. Non sono da confondere con le gemme omonime (e molto somiglianti), ma credo anche poco commestibili.
Gli alberi delle corniole si possono ancora trovare sui bordi dei campi e delle strade, colorati di giallo a marzo e punteggiati di prelibati frutti rossi a settembre. Le corniole, infatti, maturano qualche settimana dopo le more selvatiche.
Mangiate fresche e mature, le corniole hanno un sapore particolare, dolce e dissetante, oltre a fare molto bene: rispetto agli agrumi contengono il doppio di vitamina C. I frutti non completamente maturi sono ottimi, invece, per la marmellata snocciolata a mano. Vediamo come prepaparla, passaggio dopo passaggio.
Cominciamo dai fiori:

ultimi giorni di marzo: i fiori gialli del corniolo selvatico

Fine agosto-settembre: maturazione dei frutti:

Gialle come i fiori, le corniole selvatiche assumono un bel colore rosso scuro. Tuttavia non sono ancora mature. Tirano la bocca a livelli impressionanti, tipo il cotogno. Assaggiare per credere

Estate secca, tante corniole perse
Quest'anno l'estate è stata molto secca, di conseguenza molti cornioli hanno perso i frutti. Si sono raggrinziti ancora acerbi e sono caduti per terra.
Per fortuna un bell'esemplare ha evitato questa disgrazia (foto in basso).

Corniole selvatiche nere e mature:
Le corniole mature diventano scure e non più rosse. Inoltre non offrono resistenza quando si raccolgono, finendo per cadere a terra quando soffia il vento. Diventano un po' dolci, perdendo il sapore molto aspro dei frutti acerbi. Le dimensioni dei frutti variano a seconda delle condizioni dell'albero.

La raccolta dei frutti:
L'ideale sarebbe raccogliere le corniole come le olive (ci assomigliano anche, tranne il colore): stendere un telo sotto la pianta e battere i rami. Infine raccogliere i frutti caduti. La posizione del corniolo, tuttavia, non permetteva questo sistema, quindi le ho raccolte a mano. Non si finiva più... 

Preparare la marmellata con le corniole selvatiche, ma quelle nere e mature finiscono in tavola:

Se le corniole nere e dolci finiscono in tavola, foto a fianco insieme ai fichi, quelle rosse e ancora solide saranno l'ingrediente base della marmellata. Prima di tutto vanno snocciolate a mano e, a forza di dai, ho imparato che l'operazione non è troppo complicata. Almeno con i frutti non troppo maturi. Basta applicare una certa pressione laterale fino al punto di rottura. A quel punto aprire la corniola e rimuovere il seme. Nella foto in alto a sinistra si capisce meglio. L'alternativa: usare il passaverdure.
Con un po' di pazienza riempiremo un pentolino, il primo della serie.

Lasciare cuocere a fuoco lento, mescolando frequentemente perchè le corniole non si attacchino al fondo. E brucino. Cuocere e far bollire, l'operazione richiede alcune ore. Il profumo delle corniole cotte è incredibile.
Quasi alla fine della cottura si aggiunge lo zucchero, ma non troppo: la marmellata non sarà dolcissima, però resterà il sapore originale del frutto. Da notare che lo zucchero rende l'impasto, prima bello solido, più liquido e vischioso.

Infine il travaso. I vasetti, chiusi con forza, vanno tenuti capovolti, in modo che il calore fissi il coperchio, rendendolo ermetico.
Nel pentolino è rimasta ancora un po' di marmellata, così me la spalmo sul pane. Ed eccola qui la marmellata di corniole selvatiche. Densa e corposa, priva di quelle trasparenze tipiche dei prodotti del supermercato. E poi questa ha i pezzi di frutta intera...

Altri usi delle corniole: aromatizzante per grappa, succo e salsa
La corniola selvatica viene spesso utilizzata come aromatizzante della grappa, con un po' di zucchero. Vedi foto.
Altrimenti si ottiene il classico succo di frutta, rivitalizzante grazie alle proprietà medicinali di questo prelibato frutto rosso. Dicono, infine, che vada bene anche per le salse, come fosse un pomodoro. In effetti qualche somiglianza nel sapore non manca.

confettura di corniole mature: meglio usare il passaverdure o snocciolarle a mano?

Collegamenti a tema:
i frutti di bosco le more selvatiche ancora more, sulla torta corniole e marmellata

foto scattate con una Samsung EX1 e una Fujifilm z100fd

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.