blog paralleli

domenica 5 agosto 2012

Raccogliere i fichi sull'albero

Raccogliere i fichi sull'albero
L'albero del fico in Trentino lo chiamiamo figar, in Veneto figaro. È un albero dai rami contorti e molto fragili. Quindi viene sorretto da appositi pali e bisogna salirci sopra con la scala, per non poggiare il peso direttamente sulla sua struttura.
Quando si dice fico molti pensano ai fichi secchi che si trovano in inverno e si perdono la freschezza dei frutti colti dall'albero. Maturano verso fine luglio-agosto.




un fico quasi maturo, sotto la piggia

La raccolta dei fichi:
tre fichi appoggiati sulla rete della serra
Prima di raccogliere i fichi bisogna palparli delicatamente per verificare la consistenza e verificare che siano effettivamente maturi. Vanno presi solo quando sono mizzi, cioè molli e bagnati al punto giusto.
I fichi vanno consumati così, tutti interi. Altrimenti si possono sbucciare facilmente. Prima è sempre opportuno aprire il frutto per verificare che dentro sia sano. Si possono preparare anche ottime marmellate.

un fico maturo aperto
Ecco un fico maturo al punto giusto, estremamente dolce e succoso. Non capita spesso di mangiarlo: troppo spesso, per il timore (fondato) che venga mangiato/guastato, il fico si raccoglie ancora un po' verde. E si perde molto del suo vero sapore.

Non siamo gli unici ghiotti di fichi:
una giovane merla sul ramo del fico
 
I merli e diversi tipi di insetti (come le vespe) vanno ghiotti dei fichi maturi, perché estremamente dolci. Il consiglio, in questi casi, è sempre lo stesso: lasciare sulla pianta il fico mezzo-mangiato, così gli animali lo finiscono e non rovinano i frutti vicini.

foto scattate con una Fujifilm FinePix Z100fd e una Samsung EX1

9 commenti:

  1. ciao scusa del disturbo mi sapresti dire che varietà di fichi sono ?,di solito i fichi che trovo non sono allungati come quelli che vedo nella tua foto,grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun disturbo. Non conosco il nome della varietà, ho fatto delle ricerche e potrebbe trattarsi del fico gigante dei zoccolanti ( visto qui: http://www.archeologiaarborea.org/en/homepage-en/94-archeologiaarboreaen/the-orchard-collection/figs ). Perché varietà bifera e con frutti grossi a luglio e più piccoli a settembre.

      Elimina
    2. grazie per la risposta,un'altra domanda si trova facilmente questa specie?

      Elimina
    3. Non so aiutarti su questo, qua si passano i polloni tra vicini di casa. Forse anche la talea funzionerebbe. Sul nome in ogni caso non sono affatto sicuro. Guardando qua http://www.ficuscarica.com/carica.html potrebbe trattarsi anche dello "scionto" o del "san pietro".

      Elimina
    4. grazie x le info,una curiosità i tuoi fichi sono molto gustosi?

      Elimina
    5. Se ti interessa una piantina di 1 anno posso vendertela. Ho 1 talea e 1 da seme.

      Elimina
  2. Fichi davvero enormi, complimenti!
    La varietà dovrebbe essere "Dalmatie".

    RispondiElimina
  3. Non avevo mai visto fichi così grossi! Si riesce a sapere la varietà precisa? A me interessa la piantina (o anche una talea da radicare)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie al commento anonimo qui sopra, la varietà potrebbe essere la Dalmatie.

      Elimina

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.