blog paralleli

mercoledì 15 maggio 2013

Trapianto di mirtilli 3: gemme, fiori e concime naturale nel composter

Ora con sei piante di mirtillo
Il lavoro era iniziato con le gemme dei mirtilli sotto la neve di febbraio e prosegue con le gemme dei mirtilli sotto la neve di marzo... (notate il fiocco di neve rimasto integro)
Per fortuna i nostri esemplari di mirtillo gigante americano si sono risvegliati e dalle gemme sono usciti fiori e foglie a volontà. Ho raccolto fondi di caffè, trifogli e altri ingredienti per creare un po' di concime naturale. E infine sono arrivati i rinforzi: due nuove piantone di mirtillo. Quindi ora abbiamo tre coppie di mirtilli ben distinte: le due piante giovani trapiantate nelle buche, le due piantine stremate in convalescenza nei vasi (foto) e due grosse piante poste nell'orto.

I rinforzi: due piantone di mirtillo gigante
L'arrivo di questi due esemplari, alti quasi due metri (e pesantissimi da sollevare), ci ha colti impreparati. Il trapianto approssimativo, nella terra neutra e argillosa dell'orto, è stato parzialemente corretto con l'apporto di torba acida (sfagno comprato) e l'applicazione di pannelli divisori per separare i due tipi di terra. La pianta di mirtillo più vecchia l'abbiamo lasciata esposta al sole accanto ai fragoloni e alle due piantine nei vasi, la più rigogliosa riparata all'ombra del recinto. Teoricamente la minore esposizione al sole ritarderà la maturazione dei frutti del secondo mirtillo, in  modo di averli a disposizione freschi e maturi per un periodo più lungo.

Boccioli di fiore e foglie dalle gemme
Aprile. Con la temperatura che diventa più mite le gemme del mirtillo decidono finalmente di sbocciare. Le piante giovani nelle buche (foto sotto) sono le più rigogliose, spero che mantengano questo ritmo anche nei prossimi anni.
Le piantine di mirtillo nei vasi (foto sopra), invece, hanno una germogliazione modesta, ma i boccioli di fiori restano un buon segno: l'anno scorso non erano fiorite per niente, quest'anno sì. E poi notate le foglioline: verdi e non gialle.

Concime naturale per il mirtillo? Prepariamo un compost adatto
Terra e concime sono due cose ben distinte. La prima è la spugna dove affondano le radici della pianta, il secondo i nutrienti aggiuntivi per migliorare la resa.
Le piantine di mirtillo nei vasi hanno terra di bosco mista ad aghi d'abete, le piantone di rinforzo terra di sfagno. Le piante nelle buche un po' una e un po' l'altra. La cattiva notizia è che gli aghi di pino (e quindi anche quelli d'abete?) sono sì molto acidi, ma non acidificano significativamente il terreno. Come ho annotato nell'articolo precedente, la terra presa sotto un grosso abete deve per forza di cose essere acida, in quando l'abete è acidofilo. Si spera. Il pregio (confermato) degli aghi è quello di mantenere aerata la terra, impedendo alla stessa di comprimersi.
Terra acida a parte, bisogna pensare a concimare i mirtilli in vista della fruttificazione. Occorre un compost senza calcio (quindi niente cenere e gusci d'uova) e mi sono dotato di un secondo composter (contenitore chiuso dove il materiale organico viene digerito dai batteri e trasformato in concime naturale). 
Gli ingredienti:
  • avanzi di cibi e bevande acide: fondi di caffè (finalmente scopro un fine utile per la bevanda), l'aceto del condimento che rimane nel piatto...
  • concentrati di minerali preziosi: la buccia di banana, per esempio, contiene potassio, i trifogli ferro e così via. 
Chiudete il composter e lasciate il lavoro ai microorganismi.

Piante di  mirtillo in fiore
Maggio: dai boccioli sono usciti fiorellini bianchi, a forma di campana. Le piante di mirtillo nelle buche non hanno deluso le aspettative (le tre foto). Un tripudio di fiori, a grappoli.
La piantona giovane di rinforzo è fiorita altrettanto bene, quella vecchia ha comunque un aspetto dignitoso.

 

Mirtilli con le foglie ingiallite
Fiori anche per le piantine nel vaso. Se le foglie appena uscite dalle gemme erano di un bel colore verde, ora sono ingiallite. Si tratta di clorosi ferrica, cioè la mancata assunzione di ferro da parte del mirtillo. La causa? L'acidità non adeguata del terreno. Ho contrastato il problema con l'apporto di acqua piovana lasciata riposare con l'aceto e un paio di volte anche con il decotto di trifoglio, che è molto ricco di ferro.
Spero di non perdere i frutti.

Il compost per mirtilli è pronto?
Dopo i fiori arriva il momento di concimare. Purtroppo il compost (invecchiato un mese) non è ancora pronto: ha un aspetto e un odore rivoltanti che vi risparmio. Ne ho preso solo un po' da mettere nelle piante nel vaso, dopo averlo lasciato un po' al sole perchè asciugasse (e cuocesse la fauna che sguazzava al suo interno...). Poi l'ho ricoperto di aghi d'abete.
Le altre quattro piante hanno ricevuto un po' di concime per fragole.

Aggiornamento del 16/05/2013: il compost nei vasi è stato letteralmente divorato da qualche animaletto. Tutto quanto. Notare che solo il concime naturale ha fatto questa fine, il concime in scatola dato alle altre quattro piante è ancora lì. Ho concimato nuovamente i mirtilli nel vaso, cercando di proteggere il compost con una barriera di bastoncini...

Ora si aspettano i frutti. Luglio e agosto.

Trapiantare il mirtillo:
scavare le buche messa a dimora fiori e concime mirtilli maturi

foto scattate con una Fujifilm FinePix Z100fd e una Samsung EX1

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.