Blog parallelo

sabato 3 settembre 2016

Seminare il farro 3: per un pugno di ceci

Quella dei ceci è una coltura un po' rognosetta: a differenza degli altri legumi, il baccello contiene un solo seme. Quindi, a vedere quanto cresceva bene la mia piccola piantagione all'ombra delle ultime spighe di farro, già mi immaginavo il momento del raccolto, passando ore e ore a sgranararli tutti.
E invece no. Qualche erbivoro me li ha brucati praticamente tutti!
Ma è meglio procedere in ordine...


Farro mio, quanto venivi bene...
Luglio, i ceci partono in quarta:
Nella foto a destra, sullo sfondo, i pomodori pensili.

Fine agosto, i ceci giungono a maturazione:

Ed ecco che capita il fattaccio: un simpaticissimo erbivoro, probabilmente una capriola che vedo sovente nel prato, ha pensato bene di rosicchiare via tutti i miei ceci. Sono tutti recisi.
Poi non sia mai che sia stato un ladruncolo umano a tagliarli tutti col falcetto per sgranarseli con comodo, a casa propria...




E pure il frumento sparisce:
Proprio così, sparisce da un giorno all'altro, in luglio. A voler pensar bene si è allettato per la penuria d'acqua, ma a me quelle alla base sembrano tanto orme d'ungulato e gli steli del frumento mi sembrano recisi più che piegati. E poi per terra non c'è un bel niente!

Il farro non è da meno...

A fine luglio devo constatare che le cariossidi del farro o sono vuote o son annerite.
L'unica buona notizia è che a casa il frumento spontaneo è giunto a maturazione, sotto il melo, credo che lo seminerò (foto a destra).

Per un pugno di ceci:

Questa preziosa manciata di ceci è tutto ciò che ho ottenuto, il misero epilogo di un esperimento un po' strampalato. Il nome scientifico del cece è cicer arietinum perché il seme ricorda la forma della testa di un ariete, non l'avrei mai detto.
Bando alle ciance, mi preparo un piattino delizioso col farro comperato ed i miei ceci, vedendo di accontentarmi.




Sapete cosa vi dico? Dal prossimo anno pianto ancor più melanzane. Si son rivelate immangiabili dalle bestie selvatiche, eccetto che da me.


PARTE 2 - SEMINARE IL FARRO

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.