blog paralleli

sabato 4 settembre 2010

[bricolage] Finestre da restaurare: asportare la vernice e impregnare. Quarta parte.

Impregnate colorato per i serramenti di legno
Come tinta ho scelto il TEAK, perchè assomigliava molto al colore originale. C'è da dire che l'ho pagato un sacco... 23 euro per 750 ml (nemmeno un litro!)!! Ho sbagliato a comprarlo al belle arti, magari su internet costa meno.
La questione sorge spontanea: meglio l'impregnante o la vernice? O tutti e due?
Sicuramente è meglio l'impregnante, e sicuramente sarebbe ottimo impregnare prima il legno e poi verniciarlo, per avere anche una resa estetica migliore. Tuttavia, se volessimo re-impregnare il legno dovremmo sverniciare di nuovo la finestra... meglio di no!!!!
Ricordiamoci che l'impregnante va mescolato bene, a lungo. Sul fondo, infatti, è depositato il colore, denso, dobbiamo amalgamarlo completamente con il solvente soprastante.
L'impregnante va dato solo a una certa temperatura, fresca preferibilmente. Nel mio caso, visto che è ancora estate, ho aspettato la sera, in modo che durante la notte ci sia tutto il tempo per impregnare bene il legno prima di seccare.

Cominciamo a impregnare il legno grezzo con il pennello:
Il pennello va tenuto sempre a "testa in giù", altrimenti l'impregnante, che è molto liquido, vi finirà tutto sulle mani.


Prestare particolare attenzione a non sporcare il vetro, i cui bordi sono già sporchi... dopo 40 anni di manutenzioni.
Ho terminato con la prima mano. Queste foto sono state scattate a 12 ore di distanza.

Come vedete l'impregnante non copre gli eventuali sbagli fatti durante la sverniciatura. Difatti l'impregnante serve soprattutto a rinforzare il legno, piuttosto che renderlo bello da vedere (ma sempre a rischio).
Tuttavia credo che il risultato sia decisamente migliore a com'era la finestra prima, no? Oltrettutto ora la manutenzione è semplicissima.

Si dà la seconda mano con l'impregnate, ovviamente dopo aver spolverato per bene.
Ecco il risultato finale dopo una giornata:

Vedete come l'impregnante, seccando, diventa opaco. Ovunque il legno era rovinato o ingrigito il colore è diventato più scuro. Sono ancora presenti delle macchie lucide.. perchè in alcuni punti il legno è più "compresso", di conseguenza l'impregnante fa più fatica a penetrarlo.

Collegamenti a tema:
finestre da restaurare asportare la vernice rifinire il lavoro dare l'impregnante

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.