blog paralleli

sabato 30 giugno 2012

Coltivare le fragole nell'orto: dal fiore al frutto maturo

un fragolone maturo e uno ancora in sviluppo
Coltivare le piante delle fragole, in Trentino le chiamiamo fragoloni,  è abbastanza facile. Si propagano in fretta, soprattutto nella terra fertile dell'orto. In campagna capita addirittura di vedere intere distese di prato colonizzate dalle fragoline selvatiche.


Ecco lo sviluppo delle fragole con una sequenza di foto.


Aprile: i fiori bianchi delle fragole
il fiore bianco della fragola
 
Maggio: maturano le fragole
Dal fiore della fragola nasce il frutto, prima verde e poi bianco



I frutti, esposti al sole, si dipingono di rosso. Alcuni prima degli altri. Anche le dimensioni dipendono dalle condizioni più o meno favorevoli: se piove poco le fragole rimarranno piccole, se piove tanto, invece, rischiano di ammuffire e marcire. 


Maggio-primi di giugno: la raccolta delle fragole
La raccolta delle fragole è un'attività certosina.
Bisogna stare attenti a dove si mettono i piedi, per non calpestare né i frutti né le piante. Non siamo gli unici a mangiarle: alcune vengono consumate dagli insetti e dagli abitanti della terra. Il consiglio è quello di lasciare le fragole mangiucchiate al loro posto: verranno consumate del tutto, a vantaggio dell'integrità degli altri frutti.

Coltivare la fragola con il trapianto
Le piante adulte di fragola rilasciano delle propaggini che colonizzano ogni angolo adatto del terreno (foto a destra). A brevi intervalli della propaggine germoglierà una nuova piantina. Si rivelano quasi infestanti nell'orto.
In primavera bisogna eliminare le piante vecchie e trapiantare, al loro posto, le piantine. 


foto scattate con una Fujifilm FinePix Z100fd

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.