blog paralleli

sabato 5 giugno 2010

[ambiente] Il risparmio energetico, alcuni semplici accorgimenti.


Avevo già parlato di risparmi finanziari, ma stavolta parlerò di energia.

La rete è piena zeppa di consigli e rimedi sull'argomento, a volte molto ingegnosi e stravaganti. Per cominciare a risparmiare basta prendere delle precauzioni basilari.

Mettere in ibernazione il computer nei momenti di pausa.
Non lasciate il computer acceso 24 ore al giorno... so che è facile abbindolarsi in un social network o in una chat ma bisogna avere la forza di volontà di prendere le dovute pause! Ad ogni modo, quando riuscirete a staccarvi dal pc, evitate lo standby. Il mio consiglio è quello di ricorrere alla cosidetta ibernazione o sospensione.Vi consentirà un risparmio energetico quasi totale.

Pile alcaline e pile ricaricabili.
Dovete assolutamente preferite le seconde. Il motivo? Presto detto: le pile ricaricabili hanno una vita enormemente più lunga delle migliori pile alcaline. Diffidate delle continue pubblicità di queste ultime. La marca magari è prestigiosa e costano di meno, ovviamente, ma durano anche di meno!
Attenzione però! Le batterie ricaricabili del cellulare e della fotocamera, se lasciate all'interno del vano, si esauriscono, che l'apparecchio sia acceso o che sia spento. Il rimedio è quello di rimuovere la batteria e conservarla all'esterno. In questa maniera la batteria del mio cellulare (che non uso quasi mai), che durerebbe sì e no cinque giorni, dura la bellezza di un paio di mesi!


La doccia.
10 minuti al giorno sotto la doccia vanno più che bene (a meno che non lavoriate in una miniera di carbone o in una fattoria...). Se avete bisogno di "stare a mollo" per più tempo vi cosiglio la piscina, il lago, il mare...
La temperatura è troppo fredda/è troppo calda? Non restate fuori dalla doccia mentre l'acqua scorre per niente. Il rimedio è mescolare l'acqua. Se l'acqua è diventata bollente girate la manopola verso il freddo e poi di nuovo verso il caldo, così l'acqua erogata diventerà tiepida. Ripetere l'operazione all'occorrenza.

Riscaldamento.
Se sentiamo freddo il problema che dobbiamo porci non è "accendere o meno il riscaldamento?" bensì "sono abbastanza vestito?". Alla fine di settembre non possiamo mica permetterci di girare in mutande per casa...
Stesso discorso per la notte: se sentite freddo prendete una coperta in più. Ricordiamoci che il nostro organismo per addormentarsi deve raffreddarsi lievemente. Se la vostra camera da letto diventerà un forno passerete una notte tremenda, a mollo nel vostro sudore.

Illuminazione. Sfruttate il sole!
Il consiglio è quello di dormire la notte e di vivere di giorno. Bisogna rispettare il nostro orologio biologico. Vi ricordo che l'essere umano è un animale diurno.
Alzate le tapparelle, spalancate le finestre, cosicchè possa entrare di luce solare.
Se avete il balcone, andate di fuori a leggere il giornale. Così vi prendete anche il sole e vedete un po' di movimento là fuori.

La televisione: da guardare il meno possibile.
Una maniera valida per risparmiare (e migliorere il proprio stile di vita) è tenerla spenta il più possibile. Ricordatevi che l'unica maniera per togliere la corrente dal decoder è staccare la spina.

Spostamenti: usare le proprie gambe e i mezzi pubblici.
Con il primo metodo restate in forma e con il secondo risparmiate conoscendo nuove persone. L'uso dell'automobile è sconsigliato, così come la pigrizia.

Staccate gli alimentatori inutilizzati.
Molti piccoli elettrodomestici ne sono provvisti: cellulari, computer portatili, monitor, stampanti e così via. Anche se l'elettrodomestico è spento, gli alimentatori esterni continuano ad assorbire corrente. Certo, in misura minore.

La lavatrice. Sono necessari tutti quei lavaggi?
La percezione dello sporco va aumentando di questi tempi. Conoscevo delle persone che, se i loro vestiti stesi si bangnavano con un po' di acqua piovana, prendevano tutto il malloppo e lo rimettevano in lavatrice... A volte  basta arieggiare le proprie magliette... avranno assorbito solo un po' del vostro sudore! Come dicevo sopra questo discorso non vale se fate dei lavori sporchi.

Acqua fredda o acqua calda?
Se per la doccia un'acqua tiepida è quasi d'obbligo (ma con un po' di abitudine si può fare anche una doccia fredda), per lavarvi le mani e la faccia l'acqua fredda va benissimo. Non fate avviare la caldaia per ogni risciacquata. Ricordatevi che l'acqua fredda ha un effetto tonificante sulla vostra pelle.

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.