blog paralleli

lunedì 31 maggio 2010

[film] Stalker di Andrei Tarkovskij


Stalker è un film di Andrei Tarkovskij (URSS, 1979). Tratto dal racconto Picnic sul ciglio della strada (1971) dei fratelli Arkadij e Boris Strugackij. Il genere è quello fantascientifico, da inserire però nel cinema d'autore. La precisazione è obbligatoria, si tratta, infatti, di "fantascienza filosofica", un viaggio catartico molto introspettivo che potrebbe deludere un appassionato di pellicole come Star Wars.


È veramente curioso che questo film, girato a Chernobyl, parli di Zona, di area interdetta, di mutazioni genetiche prima del tragico incidente nucleare del 1986. Un parallelismo inquietante con la vera Zona di Alienazione, istituita per porre in isolamento la regione avvelenata dalle radiazioni.


Nella Zona, si racconta, è caduto un meteorite, o forse un'astronave. Si sparge la voce che nel suo cuore ci sia qualcosa che esaudisca tutti i nostri desideri. I curiosi che si avvicinavano, però, non facevano più ritorno. Nemmeno i militari, sopraffatti da una forza misteriosa, non si avventurano più nella landa desolata.
L'aerea disabitata è abbandonata a se stessa, diventando un acquitrino tracimante e marcio.
I protagonisti del film sono lo Stalker, una guida credente e timorosa, forse allarmista a volte, istruito dal cosiddetto Porcospino, il Professore, uno scienziato, e lo Scrittore, un intellettuale molto cinico. I tre si avventurano nella Zona per raggiungere la Stanza, il luogo dove si avverano i desideri.

Il confronto introspettivo che coinvolge i personaggi può risultare pesante, alcune scene però vengono definite autentici capolavori, una fra tutte quella del sogno.
Il film riesce a coivolgerti se lo guardi nell'ottica corretta.
I dialoghi sono molto ricercati e sono presenti molte peculiarità, abbastanza enigmatiche. Eccone alcune:
  • mai percorrere a ritroso un percorso
  • alcune scene del film sono in bianco e nero, seppiato, altre invece a colori
  • lo Stalker fa uso di bulloni per scoprire eventuali trappole

Il film è disponibile su Youtube:


1 commento:

  1. Bellissimo film... ricco di significato sulla psiche umana, ecc...

    RispondiElimina

L'autore

L'autore (di cui potete ammirare l'autoritratto...) è residente a Baselga del Bondone, da alcuni paragonata al villaggio di Asterix, ha la passione della scrittura, del disegno, della fotografia e delle riprese video.